Crea sito
Menu

Gli Angeli.

maggio 9, 2013 - Magia
Gli Angeli.

Angelo Illuminato

Articolo dal sito Stregone75, versione del 2004. Gli Angeli.

Gli Angeli esistono? Ultimamente, insieme alla figura del diavolo, si sente parlare più spesso di loro in TV ed alla radio. Negli Stati Uniti quasi il 70% della popolazione è convinto della loro esistenza e dei loro quotidiani interventi nella vita degli uomini.
Secondo la posizione della Chiesa gli Angeli, così come i Diavoli, sono degli esseri viventi che non appartengono all’immaginario collettivo popolare bensì ad una concreta realtà.
Si dice che Papa Giovanni XXIII fosse solito invocare il proprio angelo custode per chiedere consiglio su questioni importanti della Chiesa: quando doveva affrontare degli incontri importanti il suo celeste custode contattava gli angeli dei convenuti in modo che tutto andasse per il meglio.

Ma chi sono veramente gli Angeli? Sono immaginarie creature? Sono abitanti invisibili di un’altra dimensione, degli extraterrestri o cosa?
Si hanno tracce di loro in diverse culture e tradizioni popolari del Mondo e in tempi diversi della storia dell’uomo.
Genericamente vengono descritti come esseri fatti di una luce abbagliante; sono stupendi, bellissimi e perfetti. A volte, secondo una parte delle testimonianze, vestono di bianco o rosa. Per  la tradizione cristiana non hanno sesso. Altri hanno descritto degli Angeli come maschi o femmine; in altri casi non hanno una forma antropomorfa ma sono puri globi di luce splendente. Alla loro presenza si percepisce un gran senso di pace, di sicurezza e fiducia. Coloro che li incontrano pare abbiano la sensazione interiore che siano degli esseri di natura angelica e caritatevole. Fin dalla Creazione dell’Uomo essi l’hanno incessantemente aiutato dando consigli e ponendo il loro aiuto momenti estremi, contrapponendosi così all’attività dei Demoni. Spesso operano invisibilmente. Solo in rari casi si manifestano agli occhi umani.
Gli antichi Ebrei immaginavano gli Angeli dell’Antico Testamento come delle enormi teste con sei ali: i primi Cristiani a volte li dipingevano come grandi ruote piene di occhi che comparivano tra le fiamme. L’Ebraismo fu sicuramente influenzato dalle tradizioni mesopotamiche degli Assiri e dei Babilonesi che raffiguravano i celesti messaggeri come dei giganti con quattro ali e lunghe barbe.
Il fatto curioso è che queste figure compaiono anche nelle altre religioni del mondo. Nell’Estremo Oriente vengono considerati come divinità minori; gli Angeli fanno parte anche delle credenze religiose del Medio Oriente, soprattutto del Corano in cui gli Arcangeli Michele e Gabriele sono rispettivamente considerati protettori dell’umanità e dei profeti. Anche nelle tradizioni dei nativi delle due Americhe si possono trovare innumerevoli riferimenti a delle divinità fatte di luce splendente e con le ali.
Secondo la tradizione cristiana gli Angeli hanno una gerarchia suddivisa in nove parti: Angeli, Arcangeli, e Principati; Potestà, Virtù e Dominazioni; Troni, Cherubini e Serafini. Queste ultime due categorie provengono direttamente dal mondo religioso della Mesopotamia: i Cherubini sono i custodi del trono di Dio e i Serafini sono il coro angelico più elevato.

I Diavoli, chiamati Veglianti nei Vangeli apocrifi, sarebbero degli Angeli caduti sin dalla notte dei tempi a causa della creazione dell’Umanità: su questo però la Bibbia non è molto chiara.
Fra le tante teorie vi è pure chi sostiene che Angeli e Diavoli siano degli extraterrestri e che gli Ufo non siano altro che le loro astronavi. Essi sarebbero giunti sulla Terra in epoca remota influenzando ampiamente l’andamento della storia dell’Uomo. In questo caso si spiegherebbe la diffusione di queste incredibili figure in tutto il pianeta durante il corso della Storia. Secondo altri i messaggeri di Dio sono abitanti di un’altra dimensione capaci di spostarsi a piacimento dalla loro alla nostra realtà fisica: nella nostra dimensione influenzerebbero sia positivamente che negativamente la nostra vita ma non se ne conoscono le ragioni.
Il mistero rimane…  Una questione di fede.

Rispondi