Crea sito
Menu

Magia, Misteri e dintorni…

maggio 2, 2013 - Misteri
Magia, Misteri e dintorni…

Antica finestra

Abbiamo passato indenni il 21 Dicembre 2012 e tutte le teorie che ponevano i Maya come profeti della fine del Mondo sono cadute. Tutti i principali sostenitori di tali tesi si sono dileguati e sono tornati nell’ombra. Ciò che mi rattrista è che una parte dell’opinione pubblica erroneamente attribuisce il fallimento della previsione ai Maya piuttosto che ai suoi cattivi ed opportunisti interpreti. Per diversi anni ci siamo dovuti subire un’infinità di documentari, pubblicazioni ed altro sulla fine della civiltà umana ove discutibili e poco attendibili personaggi si sono proposti come depositari di chissà quali conoscenze antiche ed occulte.

Il fascino per il mistero è qualcosa che ci accomuna tutti ma pare che ci sia sempre qualcuno pronto a sfruttare questo nostro lato umano a proprio vantaggio. L’unico modo per non spegnere questa nostra passione per tutto ciò che è ignoto e che ci fa sognare è quello di mantenere un approccio obiettivo. Meglio analitico, scettico che da sognatore ingenuo.

Di mille argomenti che i media, secondo logiche di mercato, ci propongono in forme diverse e spesso povere di contenuti solo pochi risultano essere degni di interesse. Sono le tematiche che resistono alla lente della Scienza (a cui non riesce a dare plausibili spiegazioni) e che sopravvivono a tutti i test di attendibilità: gli elementi più importanti sono le testimonianze e le prove.

Trovo ridicoli quei documentari che presentano dei profili non qualificati spacciandoli per esperti o per dei testimoni a prova di menzogna. Guardare questi sicuramente fa sognare e volare la mente però è un pò come provare meraviglia, paura e stupore quando dei nostri amici ci raccontano di notte una storia di fantasmi… Inventata. Senza un riscontro concreto e vero con la realtà. A questo punto sarebbe meglio accontentarsi dei libri o dei film di fantascienza, fantasy ed horror.

Il vero fascino del mistero invece lo si assapora veramente in quei pochi scorci di verità con cui l’Uomo ogni tanto si trova a confronto.

 

Rispondi